EMILIA CENTRO

NOTIZIE IN PRIMO PIANO EMILIA CENTRO

Pere e mele, un campo catalogo di antiche varietà utile a ricerca e didattica

Mela Lavina

CASTELFRANCO EMILIA (Modena) – La tradizione in agricoltura non va confusa con arretratezza colturale (e culturale), bensì rappresenta un bagaglio di esperienze tecniche, di varietà ortofrutticole che altrimenti rischierebbero di andare perdute e, con esse, caratteristiche di rusticità e serbevolezza molto ricercati in tempi di cambiamento climatico e invasività di parassiti.

Continua a leggere

Cimice asiatica: il 18 settembre gli agricoltori davanti alla Prefettura di Modena

Notari alla Prefettura
Cimice asiatica, a rischio oltre 6200 ettari di pereto: il 18 settembre un presidio di agricoltori davanti alla Prefettura di Modena promosso dalle Organizzazioni agricole per sensibilizzare istituzioni e opinione pubblica sulla grave crisi del settore frutticolo minacciato da parassiti, eventi climatici disastrosi e prezzi troppo bassi

I rappresentanti delle Organizzazioni sono stati ricevuti dal prefetto, Maria Patrizia Paba, alla quale è stato consegnato un documento in cui sono segnalate le gravi emergenze agricole

Continua a leggere

Alleanza per l’agricoltura si confronta sulle criticità agricole

impianto di bonifica
Bergami: “Occorre avere una visione ampia per affrontare i problemi”

BOLOGNA – “Occorre avere una visione ampia per affrontare i problemi, che deve necessariamente partire sì da una condivisione degli obiettivi concreti, ma che deve anche coinvolgere i territori colpiti dalla gravità delle problematiche agricole, come ad esempio quella della cimice asiatica”.

Continua a leggere

Saslà, un’antica varierà recuperata che piace ancora

Manfredini

Claudio Ferri

Anna Maria Manfredini coltiva l’uva da tavola sempre più apprezzata dai consumatori

CASTELLETTO DI SERRAVALLE (Bologna) – Il Chasselas, che per modenesi e bolognesi è ‘Saslà’, sta tornando nelle fruttiere di molte famiglie. Molto diffusa nel Novecento e fino ai primi anni sessanta, questa uva da tavola non è mai scomparsa dopo l’arrivo delle uve pugliesi e siciliane, e qualche filare è rimasto nelle colline bolognesi, area in cui, un tempo, se ne coltivavano grandi volumi. Le origini di questo vitigno bianco sono incerte, anche se probabilmente è originaria del Libano, un’uva che nel tempo si è consolidata in Europa, specialmente in Francia (dove è tutt’ora coltivata e dalla quale viene prodotto vino pregiato) e tantissimo in Svizzera.

Continua a leggere

Lambrusco modenese fa incetta di medaglie a Londra

lambrusco
UN ORO ED UN ARGENTO ANCHE AD AZIENDE SOCIE CIA GIÀ AFFERMATE SUL MERCATO

MODENA – Il lambrusco fa man bassa di medaglie: nel recente campionato del mondo degli spumanti e dei vini frizzanti svolto a Londra, ideato a curato dal giornalista inglese Tom Stevenson, delle 14 medaglie (7 d’oro e altrettante di argento) riconosciute al rosso frizzante, ben 12 sono state ottenute dalle aziende vinicole modenesi e 2 da cantine reggiane.

» leggi tutto

“Il paese che vogliamo”: è il titolo del documento che l’Associazione nazionale pensionati (Anp) di Cia – Agricoltori Italiani di Bologna ha consegnato al Prefetto di Bologna, Patrizia Impresa

Cia Bologna Prefetto Welfare
La piattaforma programmatica contiene proposte e rivendicazioni nei confronti del Governo nazionale per l’aumento delle pensioni minime, welfare e servizi

BOLOGNA, 17 LUGLIO 2019 – Una delegazione dell’Associazione nazionale pensionati (Anp) di Cia – Agricoltori Italiani è stata ricevuta dal Prefetto di Bologna, Patrizia Impresa.

Continua a leggere

Danni da ungulati alla colture agricole: “serve maggiore prevenzione”

danni fauna selvatica
Il presidente di Cia – agricoltori Italiani, Alberto Notari, sollecita una maggiore collaborazione da parte di cacciatori e Atc (Ambiti territoriali di caccia) per allestire recinti a protezione delle colture prese di mira da caprioli e cinghiali

“È un periodo critico, questo, in cui le incursioni nei campi dei cinghiali sono più frequenti e dannose: medicai e campi di grano sono presi di mira in modo particolare e occorre un sistema di prevenzione che possa mettere al riparo le colture”.

Continua a leggere

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat