NOTIZIE IN PRIMO PIANO REGGIO EMILIA

COMUNICATI STAMPA REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

“Migliaia di peri sterminati da un male sconosciuto”

“Un male ancora misterioso sta uccidendo gli alberi del pero: solo nei miei filari ne sono morti oltre 600, sul territorio reggiano ammontano a migliaia. E anche diversi vitigni di lambrusco versano in agonia”. Parole di Marco Cigarini, imprenditore agricolo e vicepresidente Cia-Agricoltori Italiani di Reggio Emilia , che lancia l’allarme sulle gravi conseguenze dei cambiamenti climatici per l’agricoltura del nostro territorio.

“I danni ad oggi sono molto pesanti -sottolinea- basti pensare che oltre alle piante morte, quelle rimaste in vita hanno un calo di produzione che supera il 50%. La situazione è generalizzata e riguarda specialmente i peri che non superano i dieci anni di età. Ho parlato con altri agricoltori e siamo tutti nella stessa difficile situazione, con in più l’incubo di non conoscere quale è la causa. Al momento possiamo infatti solo ipotizzarla”. Entra nel dettaglio: “Nella migliore delle ipotesi, è colpa di settimane in cui si sono alternati caldo, freddo, siccità e bombe d’acqua. Ma potrebbe esserci altro. E per questo siamo molto preoccupati: temiamo che il responsabile della situazione sia un fitoplasma. Attendiamo l’esito delle analisi che abbiamo commissionato. Per cercare di limitare una eventuale ‘epidemia’, tutti noi agricoltori colpiti abbiamo bruciato le piante secche”.

La situazione è drammatica: “Le aziende devono affrontare le avversità dovute ai mutamenti climatici e agli agenti patogeni, cimice asiatica in primis, oltre a rispettare le limitazioni sui prodotti per la difesa fitosanitaria, e in più assistiamo a prezzi liquidati assolutamente non remunerativi: così proprio non va”.

Ma in difficoltà non vi sono ‘soltanto’ i peri. Decine di ettari di lambrusco, di diverse varietà, sono collassati e non hanno praticamente germogliato, benché la stagione sia già avanzata. “In questo caso -prosegue Cigarini- abbiamo la certezza che è tutta colpa dell’inverno anomalo e di un maggio davvero troppo freddo, ma nessun viticoltore si aspettava comunque una risposta vegetativa di questo tipo”. Inizialmente si pensava ad un normale ritardo della germogliazione, “ma ormai i tempi si allungano e si teme il collasso dei vigneti con perdite incalcolabili. I tecnici ipotizzano che la scarsa umidità del terreno nel periodo invernale non abbia permesso alle gemme di giungere a maturazione, tant’è che il fenomeno tipico del ‘pianto della vite’ in alcune zone non è avvento, proprio a causa della marcata siccità. Il colpo di grazia è stato il tempo di queste ultime settimane”.

Cigarini ricorda, inoltra,che situazioni climatiche analoghe si potevano verificare in passato ‘solo’ in Trentino “dove viene chiamato ‘inverno da gelo secco’, che altro non è che un combinato di situazioni meteo che stressano fortemente le piante. Se non reagiranno in questi giorni, ma viste le previsioni la vedo dura, il danno sarà molto ingente sotto l’aspetto produttivo e per gli elevati costi dovuti al rinnovo dei numerosi impianti collassati”.

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: