NOTIZIE IN PRIMO PIANO FERRARA

COMUNICATI STAMPA FERRARA

FERRARA

Il Premio Bandiera Verde Agricoltura a due eccellenze ferraresi

Sono stati consegnati a Roma, nella prestigiosa Protomoteca del Campidoglio, i riconoscimenti di Bandiera Verde Agricoltura 2019, il Premio promosso da Cia-Agricoltori Italiani, giunto alla XVII edizione. Tra i sedici “campioni” dell’agricoltura italiana, suddivisi per categorie, ci sono due eccellenze ferraresi, che si sono distinte per essere riuscite a valorizzare il patrimonio agricolo, enogastronomico e ambientale in maniera sostenibile: la Coop Giulio Bellini e il Parco del Delta del Po Emilia-Romagna.

Alla Coop Giulio Bellini è andato il premio Agri-Innovation per la sua filiera innovativa e sostenibile, dalla produzione integrata e biologica di cereali fino alla trasformazione in farine bio di grande qualità, tra cui quelle di Kamut e Farro, molto richieste da tutti i comparti dell’industria e dell’artigianato alimentare. Presenti alla consegna del premio Stefano Calderoni, presidente di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara e il presidente della Cooperativa Giuseppe Ciani.

“Si tratta del primo riconoscimento che riceviamo a livello nazionale – spiega Ciani – e siamo orgogliosi che sia proprio per l’innovazione di filiera. Noi produciamo cereali con attività di agricoltura biologica e integrata e li trasformiamo nei nostri stabilimenti a Filo di Argenta dove c’è una struttura biodedicata per la molitura di farine, che posso definire unica in Italia. Ma il nostro obiettivo è continuare sulla strada dell’innovazione, inserendo innanzitutto colture alternative ai frutteti – come zenzero e ortaggi – per continuare a garantire il lavoro ai 250 soci-lavoratori, che impieghiamo per circa 45.000 giornate all’anno. Inoltre stiamo mettendo a punto un impianto pilota per la produzione di farine senza glutine e prodotte dalla molitura di legumi e ristrutturando uno spazio per lo stoccaggio e la vendita delle farine. Posso certamente dire, dunque, che la nostra Cooperativa continua a guardare verso un futuro sostenibile, che valorizza il lavoro, l’ambiente e il territorio.

Il premio per l’Agri-Park è stato assegnato al Parco del Delta del Po Emilia-Romagna, un ulteriore riconoscimento dopo il prestigioso MAB (Man and the Biosphere) dell’Unesco nel 2015, che ha sancito l’impegno del Parco a promuovere un rapporto equilibrato tra uomo e ambiente e la tutela della biodiversità. L’assegnazione della Bandiera Verde punta a ribadire la sua vocazione agroalimentare, come spiega il presidente del Parco, Marco Fabbri: “Questo riconoscimento va innanzitutto alla nostra Regione, che ha lavorato per istituire il Parco e ha continuato a credere fortemente in un progetto di convivenza tra salvaguardia ambientale, valorizzazione turistica e attività agricola”.

“Il nostro – continua Fabbri – è un Parco dove uomo, agricoltura e natura hanno trovato un equilibrio, tanto che qui si producono alcune delle più importanti eccellenze agroalimentari del territorio. Speriamo che questo Premio sia di buon auspicio e una spinta alla creazione del Parco del Delta unificato, perché se ne parla ormai da tanto, fin troppo, tempo ancora senza risultati. Oggi erano presenti anche alcuni rappresentanti del Ministero dell’Ambiente che conoscono il progetto e magari possono dare un contributo concreto al processo di unificazione, aiutando a superare le resistenze che arrivano soprattutto dal Veneto”.

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: