NOTIZIE IN PRIMO PIANO REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

21/08/17 – STUDIO CCIAA ANNATA 2016

Recupera l’agricoltura reggiana

La ripresa in larga parte determinata dall’aumento delle quotazioni del Parmigiano Reggiano. Ancora difficoltà per vini e cereali

Si è chiusa con un aumento record del valore aggiunto (+ 8,9%)  l’annata agraria reggiana 2016; questo il risultato di uno studio coordinato dalla Camera di Commercio. Il valore aggiunto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca della provincia di Reggio Emilia, nel 2016 si è infatti attestato a quota 320,80 milioni di euro a fronte dei 294,57 milioni del 2015. La ripresa è da attribuire all’aumento del 4,9% del valore della produzione totale (inclusa silvicoltura e pesca), risultata superiore rispetto alla crescita dei consumi intermedi: il valore dei beni e servizi utilizzati o trasformati dai produttori durante il processo produttivo, è infatti salito dell’1,6%.

Il risultato raggiunto nel 2016 fa seguito alla ripresa già registrata nell’anno precedente, anche se non tutti i comparti hanno potuto beneficiare dell’aumento del valore aggiunto osservato a livello aggregato. L’andamento dei prezzi di base, infatti, ha continuato a penalizzare in particolare la cerealicoltura e la viticoltura, così che la ripresa è stata in larga parte determinata dall’aumento delle quotazioni del formaggio Parmigiano Reggiano.

Relativamente alle colture erbacee, la produzione, a valori costanti nel 2016, si è mantenuta invariata: alle maggiori rese e all’aumento delle superfici a cereali ha corrisposto, infatti, il forte calo delle colture industriali (barbabietola da zucchero e soia) e la più contenuta riduzione delle produzioni foraggiere. L’ennesimo ribasso delle quotazioni del frumento e dei cereali minori ha invece determinato il calo del 2,5% del valore a prezzi correnti, pari a 122,37 milioni di euro.

Le produzioni zootecniche – il cui valore si è attestato a poco più di 415 milioni di euro – hanno realizzato un incremento del 9,0%. Il risultato è quasi interamente riconducibile alla maggiore produzione di latte a destinazione casearia e al rialzo delle quotazioni all’origine del Parmigiano Reggiano. Nel 2016, dopo un anno di profonda crisi, si è assistito, inoltre, alla ripresa dei listini del suino pesante, anche se l’ulteriore contrazione delle consistenze presenti sul territorio ha consolidato la tendenza al calo della produzione suinicola provinciale.

2016, annata, studio

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: