Femminismo contadino: si ridefinisce “multitasking” il ruolo della figura femminile, dal dopoguerra ad oggi, nel convegno per l’8 marzo a Gattatico di Reggio Emilia presso l’Istituto Cervi

Un quarto del totale delle imprese emiliano romagnole è condotta da donne , il 70% degli agriturismi è a guida femminile mentre anche la totalità delle fattorie didattiche è gestita ‘in rosa’
L’incontro è stato promosso da Donne in Campo Emilia Romagna, l’associazione delle imprenditrici di Cia – Agricoltori Italiani

Continua a leggere

Femminismo contadino: si ridefinisce “multitasting” il ruolo della figura femminile, dal dopoguerra ad oggi, nel convegno per l’8 marzo a Gattatico di Reggio Emilia presso l’Istituto Cervi

Un quarto del totale delle imprese emiliano romagnole è condotta da donne , il 70% degli agriturismi è a guida femminile mentre anche la totalità delle fattorie didattiche è gestita ‘in rosa’

L’incontro è stato promosso da Donne in Campo Emilia Romagna, l’associazione delle imprenditrici di Cia – Agricoltori Italiani

Continua a leggere

L’ANP e Donne in campo sulle vaccinazioni: le leggi vanno rispettate

Alla vigilia dell’apertura dell’anno scolastico 2018-2019 sia le famiglie che le scuole hanno bisogno di disposizioni chiare e giuridicamente fondate sul delicato tema delle vaccinazioni e dell’accesso alla scuola pubblica. L’ANP e Donne in campo della CIA Emiliano Romagnola, ribadiscono che la scuola non può trasformarsi in uno spazio di disputa ideologica, di polemica politica e di contesa per interessi di parte, mentre dobbiamo constatare che questo tema continua ad essere utilizzato per l’ennesima polemica ed è oggetto di pesanti strumentalizzazioni. Tra qualche giorno con la ripresa dell’attività didattica, presidi e insegnanti riprenderanno la loro missione formativa nei confronti dei nostri bambini e ragazzi, c’è da augurarsi che ciò avvenga in un clima disteso e collaborativo tra le istituzioni, le famiglie e tutto il personale scolastico. Crediamo che si debba fare rapidamente chiarezza eliminando ogni dubbio e incertezza interpretativa delle norme e degli indirizzi amministrativi, rispettando i tempi già previsti ed evitando ulteriori deroghe. Ribadiamo con fermezza – come scienza comanda – che i bambini dovranno continuare a essere vaccinati e i genitori dovranno avere le certificazioni necessarie e previste dalla legge. La copertura vaccinale in questo modo, dà la priorità a chi non può scegliere rispetto a chi può scegliere di vaccinarsi e decide comunque di non farlo.“Nessun passo indietro” deve essere fatto sull’obbligo vaccinale, ribadiamo come ANP e Donne in Campo della CIA dell’Emilia Romagna. Come nonni e come mamme riaffermiamo che le leggi vanno applicate e fatte rispettare a maggior ragione quando si tratta di tutelare e garantire la salute pubblica

Luana Tampieri presidente di Donne in Campo Emilia Romagna

Luana Tampieri, imprenditrice agricola di Imola e già vicepresidente della Cia di Imola, è la nuova presidente regionale di Donne in Campo, l’associazione della Cia che si occupa delle politiche femminili nel settore primario e che intende valorizzare il lavoro delle donne imprenditrici.

E’ stata eletta dall’assemblea delle delegate il 13 giugno. Luana Tampieri succede a Sofia Trentini che lascia la poltrona dopo la sua elezione nel maggio del 2008. La neo presidente è nata a Castel San Pietro Terme il 15 dicembre 1986 e vive a Sesto Imolese una frazione di Imola. Ha conseguito il diploma di tecnico della gestione aziendale presso l’istituto di scuola media superiore “Paolini-Cassiano”, in seguito si è laureata in Economia e Gestione Aziendale. Da sempre è attiva nell’azienda di famiglia ad indirizzo ortofrutticolo ma ha anche lavorato presso due studi contabili di Imola e presso un’azienda controllata dal gruppo Hera. “Sono molto contenta della possibilità che mi è stata offerta di intraprendere questo percorso. – ha detto Luana Tampieri al termine della votazione. – Ringrazio il presidente Cristiano Fini e il presidente Giordano Zambrini per aver creduto nelle mie capacità ma un ringraziamento lo rivolgo anche a Sofia con la quale ho avuto il piacere di collaborare più attivamente in questo ultimo anno grazie ad iniziative pubbliche dove sono stati affrontati, tra gli altri, temi come lo scarso ricambio generazionale in agricoltura, il difficile ruolo delle donna all’interno del sistema agricolo, il mancato idoneo riconoscimento economico dei nostri prodotti, il problema quotidiano della burocrazia. C’è stato anche spazio per “Scatti di Campagna”, una mostra fotografica che ha fatto conoscere il nostro mondo di donne, imprenditrici agricole, mamme e nonne attraverso le nostre scelte di vita. L’obiettivo di queste, e di altre iniziative intraprese fino ad ora dall’Associazione Donne in Campo, ha avuto anche lo scopo di dar voce alle donne che lavorano in agricoltura, argomento di cui troppo poco si parla. Anche grazie alle donne sono nati gli agriturismi, le fattorie didattiche, i mercatini e il Km zero attraverso la spesa in campagna. Credo fortemente che questi cambiamenti all’interno della Cia, si sono ottenuti perché è un’associazione che sostiene da anni i valori di autonomia, solidarietà, rispetto per l’ambiente, progresso attraverso nuove forme di comunicazione, ricambio generazionale e l’ingresso di donne attraverso la nascita, appunto, di Donne in Campo. Tutti elementi fondamentali per la dignità dell’uomo. C’è, però, ancora molto da fare. La strada che vorrei intraprendere nei prossimi quattro anni si concentrerà proprio sulla comunicazione e sulle donne che io rappresento in questa sede. Il mio desiderio è poter coinvolgere ed unire sempre più il mondo femminile nelle varie iniziative”.

 

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat