ROMAGNA

NOTIZIE IN PRIMO PIANO ROMAGNA

Cia Romagna – Siccità: concretezza alle soluzioni in tempi brevi

Gli effetti del cambiamento climatico imperversano in agricoltura: oltre a dover affrontare i danni e i costi legati alle gelate tardive si trova a fare i conti anche con quelli provocati dalla siccità, per il secondo anno consecutivo. Nei Psr del periodo transitorio all’approdo alla nuova Pac saranno maggiori le risorse dedicate al problema siccità. Questo grazie anche all’azione politica di Cia, che ora però sollecita l’accelerazione di strategie e progetti da concretizzare per la gestione della risorsa idrica. Afferma il presidente Misirocchi: “In Romagna negli ultimi decenni si sono date risposte importanti al problema attivando diversi impianti di adduzione dal Cer con impianti in pressione e con l’immissione in canali a valle dello stesso, in alcuni territori si sono costruiti degli invasi interaziendali con la collaborazione dei Consorzi di Bonifica. Ora bisogna mettere in atto percorsi per realizzare altri invasi interaziendali e fare in modo che il Cer possa ampliare la risposta della domanda di acqua anche nei territori e nelle zone della Romagna ancora sprovviste“. Il trend degli ultimi anni ci dice che il modello meteo a cui dobbiamo abituarci è questo e in previsione gli effetti sui nostri territori sembrano essere sempre più estremi. Da sempre Cia sostiene che l’acqua vada raccolta quando c’è e quindi occorre uno sforzo da parte di tutti per andare in questa direzione e gestire la risorsa idrica in maniera sempre più sostenibile. L’impatto dei cambiamenti climatici sulla sostenibilità economica, ambientale e sociale delle imprese del settore è da tempo al centro delle riflessioni e azioni di Cia. L’argomento sarà discusso anche nella Direzione di Cia Romagna prevista nei primi giorni di settembre. Lo scopo è quello di dare concretezza alle soluzioni in tempi brevi.

Ortofrutta e calamità – Cia al Macfrut. Adesioni entro l’1 settembre per il convegno in presenza

Mercoledì 8 settembre dalle ore 11 alle ore 13 si terrà in presenza nella sala convegni Neri di Rimini Expo Centre l’iniziativa intitolata “Ortofrutta e calamità: risorse per la difesa attiva”. L’ingresso alla Fiera è gratuito e aperto agli operatori specializzati. Cesena Fiera chiede ai partecipanti la registrazione online per la stampa del badge visitatori. Il form di registrazione è disponibile alla pagina web https://www.macfrut.com/c/101/ticket_online. Tutti i partecipanti dovranno essere in possesso di badge visitatori e di green pass in corso di validità. Si invitano gli associati a Cia Romagna interessati all’iniziativa a comunicare entro mercoledì 1 settembre la propria adesione al responsabile di zona di riferimento di Cia Romagna (compilando anche l’apposito form di registrazione).

Clicca qui per visualizzare il programma

Cia Romagna alla Festa Artusiana

DUE AGRITURISMI PER “ASSIEME CON GUSTO”: 1 E 5 AGOSTO, FORLIMPOPOLI

Cia Romagna partecipa alla XXV edizione della Festa Artusiana, che si svolge dal 31 luglio all’8 agosto 2021, nel progetto comune realizzato con altre organizzazioni professionali e cooperative del territorio: “Assieme con Gusto”. Lo spazio gastronomico è nella centralissima piazza Antonio Fratti.  

Domenica 1 agosto proporrà i propri piatti l’Agriturismo Casa Molinari – “SFIZIO DELLA MOLINARI”: polpettine di cicoria con mayo veg, arrosto al sale di cervia con erbe aromatiche, ravioli d’estate – www.instagram.com/agriturismocasamolinari/
www.facebook.com/agriturismocasamolinari/

Giovedì 5 agosto sarà la volta dell’Azienda Agricola e agrituristica San Martino-Artusi a Km 0 – Menu’ a base di verdure: caponata di verdure , crema di cipolla novella, tortino di verdura con salsa parmigiana su lettino di funghi misti – www.aziendaagricolasanmartino.it/
In entrambe le serate i piatti saranno accompagnati dalla degustazione dei vini della Cantina Villa Bagnolo di Castrocaro Terme  www.villabagnolo.it/
 Le associazioni di categoria del comprensorio si ritrovano assieme per promuovere, come sempre, il gusto, i prodotti e le aziende del nostro meraviglioso territorio, attraverso degustazioni differenti per ogni serata, in grado di solleticare ogni palato e soddisfare le diverse preferenze gastronomiche www.festartusiana.it/

Clicca qui per il programma completo di “Assieme con gusto”

Dal campo alla tavola, piattaforma online di vendita al dettaglio

Dal campo alla tavola, la piattaforma online di vendita al dettaglio sviluppata da Cia, in collaborazione con J.P. Morgan, rappresenta un canale di vendita alternativo fondamentale per le piccole imprese agricole e per tutta la filiera, con l’obiettivo di ridurre le barriere di accesso all’e-commerce attraverso una piattaforma di settore e un programma di formazione per gli agricoltori che desiderano sviluppare le competenze digitali necessarie per vendere online. Scopri tutti i vantaggi, iscriviti al portale cliccando qui

Anp Romagna, direzione con il Sindaco di Cesena Lattuca e il Professor Sambri

Il presidente Signani: “Il punto sul presente pronti ad affrontare il futuro. In sostanza esprimiamo il forte desiderio di continuare a vivere”

“Un minuto di silenzio per onorare tutti coloro che sono mancati e per non dimenticare il sacrificio fatto da medici, infermieri e volontari, che hanno pagato anche con la vita un duro prezzo”. Questo gesto segna la Direzione dell’Anp Romagna del 16 giugno scorso a Cesena, a memoria del tempo storico che stiamo vivendo dal punto di vista sanitario, sociale, economico, emozionale. È l’invito che Wiliam Signani, presidente Anp Romagna, ha rivolto ai partecipanti, in presenza e in collegamento, in apertura dei lavori sottolineando “noi, che questa mattina siamo qui, possiamo ritenerci fortunati”.

Prove di ripartenza, dunque, per l’Anp-Romagna che si è riunita all’agriturismo “La Valle dei Conti” di Cesena, anche con la possibilità di collegarsi da remoto.

La Direzione Anp ha affrontato i temi di attualità e ha informato sui programmi di attività sindacale e sociale in programmazione per i mesi a venire.

Grazie alla disponibilità degli ospiti sono stati approfonditi temi importanti e strategici. Il Sindaco di Cesena Lattuca ha informato sul progetto del nuovo ospedale e cosa diventerà l’attuale Bufalini, sottolineando l’importanza dell’innovazione, della specializzazione e la risposta di alta qualità e ampia che questo ambizioso percorso ha l’obiettivo di raggiungere. Il Professor Sambri, Direttore della UOC Microbiologia dell’AUSL della Romagna con sede a Pievesestina, ha ricostruito questi 18 mesi di emergenza sanitaria, la situazione pandemica oggi e ha fornito spiegazioni chiare e dettagliate sulle varianti del Covid-19, sui vaccini e la campagna vaccinale in corso, sollecitando tutti a vaccinarsi.

Una mattinata all’insegna della conoscenza e dell’acquisizione di consapevolezza, “sapendo che per noi che siamo qui – ha sottolineato Alessandro Del Carlo, presidente Anp nazionaleaumenta la responsabilità morale e sociale di quel che c’è da fare”.

Oltre al Sindaco Enzo Lattuca e al Professor Sambri, in presenza, anche il presidente di Cia Romagna Danilo Misirocchi, il presidente regionale Anp, Pierino Liverani. In collegamento i vice presidenti regionali Giorgio Davoli e Deanna Ferrari e il Presidente Nazionale ANP-Cia Alessandro Del Carlo.

Cia e Università Telematica Pegaso: Academy online per la formazione dei nuovi protagonisti dell’agricoltura 4.0

Pagliarani, coordinatore dei Giovani Agricoltori di Cia Romagna: “Sempre più importante la figura dell’imprenditore agricolo come produttore e come formatore”

Una Academy online dedicata alla formazione di nuove figure professionali nel settore agroalimentare. È questo l’obiettivo dell’accordo siglato tra l’Università Telematica Pegaso e Cia-Agricoltori Italiani. La partnership prevede la pianificazione di attività di alta formazione e di aggiornamento specialistico, finalizzate alla creazione di figure professionali ad hoc, tali da agevolare l’accesso diretto al mondo del lavoro agricolo.

Matteo Pagliarani, coordinatore dell’Associazione Giovani Agricoltori Italiani della Cia della Romagna (Agia-Cia), afferma: “Come Agia nazionale e territoriali abbiamo sempre avuto fra i principali obiettivi l’informazione e la formazione di tutte le figure: cittadini, consumatori, agricoltori. Questo accordo dimostra come sempre più l’Organizzazione stia ricercando formazione professionale. Questa nuova collaborazione con l’Università Telematica Pegaso fa capire quanto Cia cerchi di stare al passo del cambiamento e quanto in futuro possa essere centrale la figura dell’imprenditore agricolo come produttore e come formatore, in tutti i settori della produzione. In questo accordo, un membro cruciale è sicuramente l’ente di formazione interno di Cia, l’Associazione Agricoltura è vita”.

Attraverso la regia di un Comitato tecnico scientifico che individuerà i nuovi fabbisogni formativi e organizzativi degli imprenditori agricoli, l’Academy fornirà percorsi didattici aventi valore legale, spendibili in termini di riconoscimento di Crediti Formatici Universitari (CFU) e come aggiornamento professionale.

Anche grazie a questo accordo Cia vuole incrementare l’avvicinamento dei giovani all’impresa rurale, promuovendo la tutela del lavoro agricolo quale elemento primario per il sostentamento ed il benessere generale, nonché elemento idoneo a migliorare la competitività sui mercati delle aziende agricole, attraverso la riqualificazione, la formazione e il coinvolgimento partecipato degli operatori del settore.

Saranno attivati stage e tirocini attraverso convenzioni con aziende, istituzioni, enti pubblici e privati operanti nel settore primario, finalizzati all’inserimento nel mondo del lavoro, nonché all’acquisizione di esperienze pratiche certificate per arricchire il proprio curriculum personale. “Il renderci disponibili ad ospitare nelle nostre aziende queste figure è centrale come obiettivo – sostiene Pagliarani – Rappresenta un’ulteriore qualificazione del percorso formativo e al tempo stesso è una grande opportunità per chi ospita perché le cose belle nascono quando si unisce la ricerca con la parte pratica e possono emergere belle scoperte e collaborazioni. Spero che questi giovani possano diventare portavoce dell’Associazione e del mondo imprenditoriale sia maschile sia femminile. Per noi piccole e medie imprese è importante poter collaborare a questi percorsi formativi”.

QUALCHE DATO SULLE IMPRESE AGRICOLE GIOVANILI IN ROMAGNA

Nel 2020, in termini di variazione annua rispetto al 31.12.2019, si registra una diminuzione delle imprese giovanili attive nella maggior parte dei principali settori. In crescita, invece, l’Agricoltura. Al 31.12.2020 le imprese agricole giovanili in Romagna, nelle province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini erano complessivamente in valore assoluto 578: 225 nel forlivese-cesenate (+0,4%), 113 nel riminese (+5,6%) e 240 nel territorio provinciale ravennate (+1,8%).

Per imprese giovanili si intende: l’insieme delle imprese in cui la partecipazione di persone ‘under 35’ risulta complessivamente superiore al 50% mediando le composizioni di quote di partecipazione e cariche attribuite. Fonte: Camera di Commercio della Romagna e Camera di Commercio di Ravenna.

Sementiero e biologico – Servono nuovi accordi interprofessionali e un nuovo piano di ricerca per le sementi biologiche

Lo sviluppo interessante del settore biologico italiano, in una fase cruciale della transizione green Ue, rinnova il dibattito sul futuro del comparto sementiero, voce molto importante per l’economia agricola, e non solo, della regione e particolarmente per i distretti produttivi della Romagna. Secondo Anabiol’associazione per la promozione del biologico di Cia-Agricoltori Italiani – il comparto può stare al passo, da una parte, grazie a nuovi accordi interprofessionali con le ditte, dall’altra, potendo contare su un nuovo Piano di Ricerca per le Sementi Biologiche. Anabio fa appello al mondo delle imprese e al Mipaaf, perché acceleri sull’iter amministrativo di definizione del Piano.

Lorenzo Falcioni, vicepresidente di Cia – Agricoltori Romagna e membro del CdA della Cooperativa Cac, nella sua azienda “Falcioni Santi Agricoltori” coltiva circa 19 ettari di colture da seme fra cavoli ibridi, cavoli cinesi, cicoria ibrida, bietola, ravanello, aneto, rapa, rucola selvatica, coriandolo ed erba medica da seme. In merito all’argomento in oggetto sottolinea che il lavoro sin qui svolto è molto positivo e precisa: “Non dimentichiamo che una programmazione lungimirante, adottata nel passato, ha portato i moltiplicatori dell’Emilia-Romagna ad essere un punto di riferimento internazionale. Come Cia Romagna auspichiamo che si realizzino gli accordi interprofessionali e che sia adottata un’adeguata campagna di comunicazione per informare sulle colture che usciranno dalle deroghe, deroghe alle quali si ricorrerà sempre meno”.

La programmazione sarà l’arma vincente per riuscire a colmare la domanda di seme biologico certificato e per metterne in produzione le quantità occorrenti. “In questo modo le aziende sementiere e gli imprenditori in agricoltura biologica potrebbero trarre benefici da un’economia di scala con un costo del seme bio più competitivo oltre alla possibilità, per gli agricoltori stessi, di iniziare a svolgere l’attività di moltiplicazione. In Romagna siamo bravi con le sementiere e siamo bravi a fare il bio – conclude Falcioni – Può essere una risposta, un’opportunità, a un mondo che non se la sta passando molto bene, con le gelate e altre calamità, e bisogna avere presente anche la redditività dell’impresa agricola”.

Negli ultimi dieci anni, sottolinea Anabio-Cia, si è registrata una significativa crescita della superficie investita a produzione bio e nel 2020 l’area destinata ai semi bio, in Italia, è aumentata del 28% rispetto al 2019. Ciò va colto come una sfida per rispondere a una domanda ancora latente di sementi bio diversificate, adattate alle condizioni di produzione biologica e locale. Attivare questo processo vuol dire, inoltre, guardare alla scadenza del 2036, quando non sarà più possibile far ricorso alle deroghe imposte dalla normativa Ue. Oggi, già 2 specie non sono più in deroga (Erba Medica e Trifoglio Alessandrino) e a queste se ne potrebbero aggiungere altre 15 nel corso del 2022. In tale contesto, torna il focus sulla Banca Dati Sementi, che al momento contiene 878 specie e varietà, e deve diventare sempre più lo strumento di gestione per la moltiplicazione vegetativa con metodo biologico e sempre meno il mezzo per le deroghe.

Sul fronte agricolo, Anabio-Cia è fortemente impegnata a mobilitare i produttori del comparto a favore delle sementi biologiche, sollecitata da norme comunitarie e nazionali più stringenti del passato, ma anche da anni di ricerca partecipata su cui è tempo di puntare e che vede come promotrice in primis la Rete dei Semi Rurali.

Per Anabio-Cia bisogna, dunque, lavorare con le ditte sementiere italiane per nuovi accordi interprofessionali con contratti che contengono la combinazione tra specie/varietà nelle diverse regioni e prevedano informazione e formazione tecnica ed economica efficace. Al Mipaaf, invece, Anabio-Cia sollecita la richiesta di finanziamenti per un nuovo Piano Nazionale delle Sementi Biologiche, annunciato da un anno, ma ancora alle prese con l’iter amministrativo.

QUALCHE NUMERO SUL COMPARTO DELLA MOLTIPLICAZIONE DELLE SEMENTI

– Coinvolti 15.000 agricoltori per le specie agrarie e 4.000 per le specie ortive a livello nazionale;

– La superficie di produzione delle sementi ufficialmente certificate nel 2019 si attesta a 202 mila ettari;

– Circa ¼ della superficie è localizzata in Emilia-Romagna, che è la prima Regione italiana in termini di aree dedicate alla produzione di sementi di specie certificate sia per le specie agrarie sia per le specie orticole e aromatiche (nel 2020 circa 50mila ettari di cui circa 11mila con colture con alta Plv come bietola e orticole comprese le aromatiche);

– In Romagna le superfici coinvolte nella riproduzione di sementi rappresentano circa il 50% della superficie totale regionale dedicata alle sementiere. In particolare nel territorio ravennate si concentra la maggior parte della riproduzione di sementi di medica, di barbabietola da zucchero, di molte specie orticole e cereali da seme.  A Cesena opera la Cooperativa Cac, il cui stabilimento è il primo in Europa per volumi e tecnologie nella lavorazione del seme.

Zootecnia, da tempo investe per la sostenibilità degli allevamenti

Sul settore visioni allarmistiche e messaggi fuorvianti. Dagli allevamenti solo il 5,2% di emissioni

La zootecnia è ancora sotto attacco. Nonostante sia un settore strategico per l’economia e sebbene abbia compiuto enormi passi avanti sulla strada della sostenibilità, arrivando a pesare il 5,2% sul totale delle emissioni di CO2 che si riversano sull’ambiente, deve ancora difendersi da visioni allarmistiche e messaggi fuorvianti non suffragati dai dati, che incidono negativamente sulla filiera e sui consumatori.

Gli allevatori, invece, sono pronti a cogliere la sfida del Green Deal europeo: chiedono solo strumenti e risorse adeguate per affrontare la transizione verde puntando su innovazione, ricerca e nuove tecnologie, con l’obiettivo di impattare sempre meno sul clima, ma tutelando al contempo competitività, reddito e qualità. Questo il messaggio chiave lanciato da Cia-Agricoltori Italiani nel corso del seminario online “Allevamenti bovini e transizione ecologica”.

“L’obiettivo è quello di continuare a migliorare la qualità e la sostenibilità degli allevamenti grazie alle nuove tecnologie, ma con una visione dell’agricoltura che tutela l’ambiente senza penalizzare la produzione”, afferma Danilo Misirocchi, presidente di Cia – Agricoltori Italiani Romagna. Per Cia è necessario identificare gli strumenti finanziari adeguati per sostenere economicamente gli allevatori che avranno bisogno di nuovi investimenti, sia strutturali che tecnologici, ad esempio per una migliore gestione e valorizzazione dei reflui zootecnici, così come per la produzione di energie rinnovabili. Potrebbe risultare molto efficace, secondo Cia, l’adozione di incentivi e premialità agli allevatori per il sostegno agli investimenti nel settore, nell’ambito dei piani dello sviluppo rurale e della nuova Pac.

Dall’Annata Agraria 2020 di Cia Romagna emerge che la Romagna concentra la maggior parte degli allevamenti avicoli dell’Emilia-Romagna, che è terza a livello nazionale, e si distingue in particolare per le galline ovaiole. L’avicoltura romagnola è tra le più avanzate a livello tecnologico con allevamenti sempre più all’avanguardia che utilizzano ad esempio centraline che governano temperatura, umidità e percentuale di ammoniaca all’interno delle strutture, per garantire che questi ed altri parametri siano sempre ottimali per l’animale, con un sempre minor utilizzo di risorse e una maggiore qualità del prodotto finale. Si ha una sostanziale stabilità del numero di allevamenti avicoli e bovini in Romagna. Nel corso degli anni nella nostra regione sono incrementate le imprese agricole biologiche dedite anche all’allevamento di almeno una specie animale con il metodo biologico (1 su 6). Attualmente l’allevamento biologico più importante è quello del bovino da carne, soprattutto nella provincia di Forlì-Cesena. I capi ovicaprini allevati sono molto diminuiti in tutte nelle tre province di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini) rispetto al 2019 (-22,3%). Per quanto riguarda i suini si è registrato un aumento dei capi allevati nella provincia di Rimini.

Si tratta di un comparto fondamentale, che lavora da anni sulla riduzione del suo impatto ambientale. Dal 1970 a oggi la quantità di metano immessa nell’atmosfera e derivante dagli allevamenti è scesa del 40%. Tanti sono gli elementi che hanno concorso negli anni a rendere la zootecnia sempre più sostenibile: dalla gestione degli allevamenti basata sul benessere animale alla riduzione dell’uso di antibiotici; dai programmi di selezione genetica, con le nuove possibilità offerte dalla genomica, all’alimentazione su misura e “di precisione”. Sempre per limitare l’impatto ambientale, la zootecnia sta adottando il modello di economia circolare: dal campo al foraggio, dal foraggio all’alimentazione, dalle deiezioni animali ancora al campo, oppure alla produzione di energia tramite impianti di biogas.

I NUMERI DELLA ZOOTECNIA IN ITALIA

Le produzioni animali, con un fatturato di 40 miliardi di euro e 270 mila imprese coinvolte a livello nazionale tra produzione e trasformazione, rappresentano quasi la metà del valore dell’agroalimentare italiano.  Il solo settore della carne (bovina, suina e avicola) genera un giro d’affari di circa 30 miliardi di euro (10 miliardi alla produzione e 20 nell’industria di trasformazione), che arriva a 40 miliardi includendo latte e uova. In particolare, la carne bovina costituisce in valore il 44% e in volume il 33% dell’intero comparto. Oggi ci sono circa 140 mila aziende italiane specializzate nell’allevamento bovino, che danno occupazione a più di 150 mila persone e presidiano il 40% del territorio rurale, contrastando lo spopolamento e il degrado delle aree interne e custodendo tradizioni culturali e gastronomiche conosciute in tutto il mondo.

Attualmente, secondo la FAO, il comparto zootecnico a livello mondiale pesa per circa il 14% sul totale delle emissioni di CO2 equivalenti. Dati che si abbassano ancora se si considera solo l’Europa, dove l’incidenza degli allevamenti sulle emissioni complessive si colloca tra il 7% e il 10%. Ancora meglio fa l’Italia, dove le emissioni di CO2 della zootecnia rappresentano il 5,2% del totale, di cui meno del 4% imputabile alle filiere delle carni.

Ortofrutta: agricoltori senza giusto reddito

Su 100 euro spesi dal consumatore solo 6 in tasca al produttore. Per riequilibrare la catena del valore, maggiore aggregazione e relazioni innovative “di sistema”, anche con la distribuzione

L’ortofrutta italiana rappresenta il 25,5% della produzione agricola nazionale per un valore di 15 miliardi, interessa una superficie di 1,2 milioni di ettari, coinvolge circa 300 mila aziende e, soprattutto, sta reggendo all’urto della pandemia, nonostante le difficoltà gestionali, con picchi di vendite del +13% registrati durante il lockdown e acquisti sostanzialmente stabili lungo tutto il 2020. Eppure, per gli agricoltori c’è ancora un enorme problema irrisolto nella catena del valore: in Italia, infatti, si stima che, per frutta e ortaggi freschi, su 100 euro spesi dal consumatore, al produttore rimangano in tasca solo tra i 6 e gli 8 euro netti. Ancora meno nel caso dei prodotti trasformati, dove il margine in campo all’imprenditore agricolo è inferiore ai 2 euro. Una questione annosa che va necessariamente affrontata, senza ulteriori indugi, per dare vita a un nuovo “patto di sistema dell’ortofrutta italiana” più equo, moderno, efficiente, e rispondere così alle prossime sfide economiche e ambientali legate al Green Deal europeo che richiedono sempre maggiori standard di sostenibilità.

Questo il messaggio lanciato da Cia-Agricoltori Italiani nel webinar “Il valore nell’ortofrutta, dalla filiera al sistema”, il primo di due appuntamenti dedicati al settore per supportare l’Anno Internazionale della Frutta e della Verdura 2021 promosso dalla FAO. Partenza significativa dalla Romagna, da Cesena, per il ruolo e il valore che l’ortofrutta dell’Emilia-Romagna riveste per il tessuto economico regionale e nazionale e come territorio che esprime esperienze virtuose di appartenenza alla filiera. In specifico riferimento a queste sono intervenute per l’occasione Apofruit, Canova ed Orogel Fresco, oltre agli altri ospiti quali Ismea, Federdistribuzione e Ortofrutta Italia.

“Il settore ortofrutticolo è esposto a rischi enormi, legati agli eventi climatici, come ad esempio le terribili gelate di questi giorni, ma anche alle problematiche fitosanitarie e alla pressione competitiva globaleafferma il presidente di Cia Emilia-Romagna, Cristiano FiniLa ripartizione sbilanciata dei prezzi lungo la filiera rischia di indebolire in maniera irreversibile le aziende agricole, molte delle quali in grande sofferenza”.

La deperibilità, i costi esterni come energia, packaging e trasporti, la complessità delle relazioni tra gli attori, la frammentazione della filiera e la difficoltà ad attuare strategie condivise di sistema, sono tutti fattori che condizionano negativamente l’acquisizione del giusto reddito per i produttori ortofrutticoli. “È tempo di riequilibrare la ripartizione del valoresostiene Finiricordandosi anche degli agricoltori. È necessario sperimentare nuove soluzioni e garantire solidità a tutte le componenti, stimolare processi di aggregazione tra i produttori e costruire relazioni più equilibrate e innovative tra tutti i soggetti del sistema ortofrutticolo, compresa la distribuzione”.

Si tratta di passaggi ben specificati nel corso del webinar dal presidente del GIE Ortofrutta di Cia, Antonio Dosi: “Le strategie attraverso cui la produzione agricola può recuperare o riuscire a trattenere una quota maggiore di valore aggiunto passano per aggregazione, azioni di promozione unitarie, sviluppo dell’economia contrattuale, contrasto alle pratiche commerciali sleali, operatività piena dell’interprofessione”. Inoltre, ha aggiunto Dosi, “è necessario incoraggiare un patto fra gli attori della catena ortofrutticola e collaborare per eliminare inefficienze, aumentare la competitività del settore, ridurre gli squilibri”.

Rafforzare la posizione degli agricoltori e accrescere la competitività del comparto è una sfida importante anche per cogliere la crescente domanda di ortofrutta in tutte le sue molteplici declinazioni, compresa quella di nuovi servizi e informazioni. Il Covid, infatti, ha amplificato l’interesse verso una sana alimentazione, con il 57% degli italiani che consuma frutta e verdura perché “fa bene” alla salute, e il suo consumo è universalmente riconosciuto come parte essenziale di una dieta equilibrata. Con 25 milioni di persone nel Paese obese o in sovrappeso, di cui il 25% bambini e adolescenti, è sempre più importante inserire frutta e verdura nel carrello della spesa, con un occhio sempre più attento alle caratteristiche del processo produttivo per il 55% delle famiglie (origine italiana, tracciabilità, prodotto locale e/o biologico) e alla stagionalità per il 43%.

Un obiettivo in linea con la FAO che, con l’Anno Internazionale della Frutta e della Verdura 2021, vuole da un lato stimolare il consumo di frutta e verdura e, dall’altro, evidenziare come “le catene di valore sostenibili e inclusive possono contribuire ad aumentare la produzione, a migliorare la disponibilità, la salubrità, l’accessibilità economica e la parità di accesso alla frutta e alla verdura, al fine di promuovere la sostenibilità economica, sociale e ambientale”.

Freddo e gelate notturne, agricoltori ancora in ginocchio


La prima ricognizione indica danni ingenti e si teme per le prossime notti

Il brusco crollo delle temperature e le gelate notturne mettono ancora una volta in ginocchio gli agricoltori romagnoli. Una prima ricognizione dei danni causati dal maltempo di questo inizio aprile è stata svolta questa mattina da Cia Romagna fra i propri associati.

“E’ chiaro che ancora è presto per stimare il valore dei danni con precisione  – spiega il presidente Danilo Misirocchi -. Sappiamo già però che sono ingenti, soprattutto in alcuni territori. Le temperature insolitamente basse per il periodo, le coltivazioni bagnate dalla pioggia e una notte umida hanno purtroppo aumentato gli effetti negativi della gelata nella notte scorsa.

E’ stato colpito in maniera più dura il territorio ravennate. Nel forlivese-cesenate ci sono stati danni fino alle zone collinari e in aree tradizionalmente meno esposte, anche se la copertura nuvolosa ha in parte contenuto la gelata. Nel riminese, dove la neve è scesa anche a quote basse, al momento sono registrati danni minori. 

Le colture vittime del gelo sono soprattutto gli alberi da frutto, peschi, albicocchi, ciliegi, susini, in parte meli e peri, kiwi e in alcuni casi sono stati segnalati danni alle viti. Temiamo ora per le prossime notti, visto che le previsioni indicano condizioni che potrebbero portare nuove gelate”.

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 6314311 – FAX 051 6314333
C.F. 80094210376 – PEC: amministrazione.er@cia.legalmail.it

Privacy Policy  –  Note legali

WhatsApp chat