NOTIZIE IN PRIMO PIANO REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

Trattori, oltre 9mila furti in Italia lo scorso anno

La denuncia di Unacma all’Eima di Bologna

Dietro ai furti di macchine agricole si nascondono vere e proprie organizzazioni criminali. Da EIMA, il salone internazionale delle macchine agricole svoltosi nei giorni nei scorsi padiglioni di BolognaFiere, arriva la denuncia di Unacma, l’associazione nazionale dei rivenditori. Trattori e altre macchine rubate in Italia vengono rivenduti nella maggioranza dei casi nei Paesi Balcanici e Caucasici, dove ci sono grandi estensioni agricole.

E’ evidente, a parere di Unacma, che i furti sono quasi sempre su commissione. Riguardano infatti in netta prevalenza mezzi nuovi o seminuovi, ad alta potenza e quindi con un alto costo. Nonostante il numero dei furti sia diminuito di circa il 30% negli ultimi cinque anni, passando dagli oltre 13mila mezzi del 2013 ai 9.114 dello scorso anno, è così aumentato il valore della refurtiva, con un grave danno per le aziende agricole o le concessionarie prese di mira dai ladri. In base a quanto ricostruito da Unacma i mezzi, dopo essere stati nascosti in luoghi non lontani da quello del furto, vengono caricati su camion schermati e portati all’estero, per poi essere rivenduti. Difficile per i legittimi proprietari rientrare in possesso delle proprie macchine, anche se qualche azienda e qualche concessionario sono riusciti a riportarle in Italia grazie all’intervento dell’Interpol. Le regioni dove avviene il maggior numero di furti sono la Puglia e la Sicilia.

Le organizzazioni criminali, secondo Unacma, che ha presentato gli ultimi dati al convegno “Il fenomeno dei furti delle macchine agricole. Testimoni e possibili soluzioni”, organizzato in collaborazione con MLS e CAI e tenutosi nell’ambito del salone della meccanica agricola, si spostano con rapidità sul territorio nazionale e dopo aver “occupato” un territorio ne individuano un altro dove mettere a segno i colpi.

furti, trattori

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: