COMUNICATI STAMPA FERRARA

FERRARA

Riso made in Italy

Accordo per la difesa del riso italiano
I maggiori produttori di riso europei hanno detto no alle importazioni senza dazi che stanno provocando seri problemi ai risicoltori italiani

FERRARA – Il problema delle importazioni selvagge di riso dai paesi extracomunitari, favorito dall’assenza di dazi, non è più solo italiano. Soddisfazione da parte di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara per l’accordo raggiunto dai sette Paesi produttori di riso europei – Italia, Spagna, Portogallo, Grecia, Francia, Bulgaria e Ungheria – durante gli “Stati generali del riso”, organizzati a Milano dall’Ente Risi. Nel corso del summit è uscita una chiara richiesta di revisione delle norme che regolano le importazioni di riso da paesi Pma (Paesi Meno sviluppati), rivolta alla Commissione Europea e ai governi dei singoli Stati.

Nel 2016 paesi come Cambogia e Myanmar hanno importato in Europa oltre trecentomila quintali di riso – con un incremento di oltre centomila tonnellate solo nel 2016 – saturando il mercato di varietà Indica e provocando un’inesorabile discesa dei prezzi.

«Nel corso di questo importante incontro – spiega Massimo Piva, vicepresidente Cia Ferrara e risicoltore, delegato al summit di Milano – è stato approvato all’unanimità un documento, firmato da produttori e industria di trasformazione, che chiede alla Commissione Europea di regolare l’importazione di riso dai paesi asiatici. Come risicoltore e rappresentante di un’associazione che tutela un territorio a vocazione risicola – a Ferrara la superficie investita è di oltre settemila ettari – sono soddisfatto di questo impegno comune. Nel documento approvato si chiede: il riconoscimento della qualifica di “sensibilità” del comparto e il ripristino delle limitazioni alle importazioni da Paesi extra comunitari; l’applicazione della “clausola di salvaguardia” nei confronti delle importazioni dai Paesi meno avanzati; la fissazione di regole in ambito fitosanitario e commerciale, per favorire un mercato trasparente e i diritti dei lavoratori; il mantenimento della qualifica di “specificità” del settore, nella Politica Agricola Comune; l’attuazione di campagne promozionali per incrementare il consumo di riso coltivato nell’Unione Europea. Queste richieste, davvero decisive per il comparto e già presentate alla Commissione Europea, sono il massimo risultato a cui si poteva ambire in questa fase, perché hanno trovato l’accordo di tutti, dai produttori all’industria. Ora attendiamo che la Commissione si pronunci sul documento e risponda con azioni concrete a un grido d’allarme lanciato da un’intera filiera in forte sofferenza. Ma le richieste all’Europa non sono finite: il prossimo, importane, obiettivo sarà l’inserimento dell’indicazione obbligatoria in etichetta dell’origine del riso. Una forma di tutela fondamentale per i consumatori, che devono conoscere l’origine della materia prima e scegliere se acquistare un riso proveniente da paesi extraeuropei, dove ci sono regole fitosanitarie e produttive diverse. Quella sull’etichettatura potrebbe essere una battaglia tutta italiana, così da identificare il riso Made in Italy e inserirlo nel paniere di eccellenze che vengono prodotte nel nostro paese.»

 

CHIESUOL DEL FOSSO FE – VIA bologna 592/A – TEL. 0532 978550978599  – (diretto A.Pesci 0532 1776629) – FAX 0532-977.103 – ferrara@cia.it – C.F. 80005100385 – P.I. 01274180387

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: