NOTIZIE IN PRIMO PIANO MODENA

MODENA

“Fatturazione elettronica? Bene contro l’evasione fiscale ma serve un rinvio dell’obbligo di entrata in vigore e la depenalizzazione delle sanzioni nel primo anno di operatività”

Lo chiede il presidente di Cia Agricoltori Italiani di Modena, Alberto Notari, annunciando che l’organizzazione sta lavorando alla definizione di specifici emendamenti che nei prossimi giorni saranno portati all’attenzione delle forze politiche di governo e di opposizione

L’applicazione del nuovo metodo di fatturazione elettronica per le imprese rischia di diventare un balzello burocratico, inoltre le reti internet non arrivano in tutti i territori e numerose imprese agricole si trovano ubicate su aree marginali dove la connessione alla rete è assente o pressoché inutilizzabile: per questo motivo abbiamo contrastato fin dall’inizio il provvedimento”.

Lo ribadisce il presidente di Cia – Agricoltori italiani di Modena, Alberto Notari, sottolineando tuttavia che “seppur con la consapevolezza che il legislatore deve mettere in campo tutti gli strumenti di lotta per contrastare l’evasione fiscale, riteniamo che la fatturazione elettronica sia tutt’altro che risolutiva rispetto al problema”.

Notari ricorda in proposito che gli uffici territoriali della Cia stanno mettendo a punto soluzioni tecniche ed organizzative in grado di assicurare la massima assistenza alle imprese agricole a partire dal 1° gennaio 2019.

La volontà dell’Esecutivo di dar vita alla fattura in versione digitale ha suggerito alla Confederazione di evidenziare al Governo ed alle forze di opposizione tutte le problematiche che potranno interessare il mondo agricolo. “Per questo – conclude Notari – chiederemo il rinvio dell’entrata in vigore del provvedimento e la non sanzionabilità nel primo anno di attività”.

Alberto Notari, fattura elettronica, fatturazione

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: