COMUNICATI STAMPA IMOLA

IMOLA

Cia Imola chiede l’inserimento del territorio imolese nel Disciplinare IGP Pera Emilia-Romagna

Imola, Luglio 2016 – La Cia Agricoltori Italiani di Imola nel corso della riunione di pubblico accertamento per modifiche al Disciplinare di Produzione IGP Pera dell’Emilia-Romagna che si è svolta il 13 luglio a Ferrara ha chiesto che il Comune di Imola venga inserito fra quelli che fanno parte dello stesso Disciplinare.

La richiesta è stata avanzata per conto della Cia di Imola da Dario Grandi che così commenta l’incontro. “Sul territorio di Imola e in particolare nella zona di Sesto Imolese è tradizionalmente presente una consistente superficie coltivata a pero. Abbiamo quindi voluto far presente questa dimenticanza a Gianni Amidei, presidente del Consorzio per la Pera dell’Emilia Romagna e a Simona Rubbi del Centro Servizi Ortofrutticoli. Dai catasti dello stesso CSO Italy emerge che, per quanto riguarda la consistenza, nei censimenti del 2000/2010 Imola figura al quarto posto nella provincia di Bologna dopo Crevalcore, Galliera e Malalbergo. Il Consorzio IGP si è impegnato a inserirlo nella prossima modifica del disciplinare”. Il giorno successivo sempre a Ferrara si è svolto il Comitato di Coordinamento dell’OI (Organizzazione Interprofessionale) Pera che ha discusso e analizzato i risultati dell’indagine svolta da CSO Italy per conto dell’OI Pera sulle stime produttive per la campagna 2016/2017. I dati mettono in evidenza un calo della produzione rispetto all’anno passato. In Emilia-Romagna, dove si concentra quasi il 70% della coltivazione delle pere italiane, i dati previsionali si attestano nel complesso su circa 448.000 tonnellate, il 13% in meno rispetto al 2015 e – 12% sulla media del periodo 2011-2014; si tratta di un volume produttivo risultato inferiore solo nel 2012. Le superfici in piena produzione nella Regione sono valutate sostanzialmente stabili rispetto allo scorso anno. La qualità ad oggi si presenta molto buona, con un prodotto di pezzatura sostenuta, grazie al minor numero di frutti presenti sulle piante e al positivo andamento climatico nei mesi di maggio e giugno che ha favorito il buon sviluppo dei frutti.

Tag: , ,

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: