NOTIZIE IN PRIMO PIANO EMILIA ROMAGNA

EMILIA ROMAGNA

Prezzi delle pere non remunerativi e al di sotto dei costi di produzione

raccolta pere abate
Fini (presidente Cia-Agricoltori Italiani Emilia Romagna: “quotazioni basse, non remunerative e che non coprono i costi di produzione. Occorre investire sulla ricerca varietale e incentivare le aggregazioni per raggiungere mercati inesplorati e migliorare la penetrazione in quelli consolidati”

L’Italia produce il 35% dei quantitativi totali europei dove l’Emilia Romagna, nelle province di Ferrara, Modena e Bologna, raccoglie il 68 % dell’intera produzione

Continua a leggere

Femminismo contadino: si ridefinisce “multitasting” il ruolo della figura femminile, dal dopoguerra ad oggi, nel convegno per l’8 marzo a Gattatico di Reggio Emilia presso l’Istituto Cervi

Un quarto del totale delle imprese emiliano romagnole è condotta da donne , il 70% degli agriturismi è a guida femminile mentre anche la totalità delle fattorie didattiche è gestita ‘in rosa’

L’incontro è stato promosso da Donne in Campo Emilia Romagna, l’associazione delle imprenditrici di Cia – Agricoltori Italiani

Continua a leggere

Dialogo tra produttori e mercati tramite una app: gli acquirenti inviano agli agricoltori indicazioni che permettono di dare una proiezione in anticipo sull’andamento delle vendite

È una delle tante applicazioni, già operative, spiegate nel corso di un convegno sulle nuove tecnologie da applicare in agricoltura e organizzato da Cia – Agricoltori Italiani dell’Emilia Romagna a Fico. Oltre 160 i partecipanti

Cristiano Fini, presidente di Cia Emilia Romagna: “Il futuro è già entrato nelle aziende con l’obiettivo di migliorare competitività, ridurre i costi di produzione, migliorare la qualità delle materie prime ed ottenere sostenibilità ambientale

Continua a leggere

Cinghiali: Cia, problema fuori controllo e va riformata la legge

cinghiali
Fini (presidente Cia Emilia Romagna): “troppi danni, va introdotto il concetto di ‘carichi sostenibili’. La situazione è ormai fuori controllo ed anche in Emilia Romagna non mancano i problemi, in considerazione del fatto che sono in calo i cacciatori: poco meno di 34.000 cacciatori residenti. Caprioli e cinghiali ormai hanno preso residenza tra le colture di pregio della Pianura Padana”

“Intervenire sulla legge nazionale sulla caccia, la 157 del 1992, ovvero riformarla e adattarla alle nuove ed urgenti esigenze del territorio: è il primo passo da fare poiché l’attuale normativa pone dei vincoli nella gestione e nel contenimento di determinate specie invasive – e decisamente numerose-  tali da mettere a repentaglio la sicurezza dei cittadini, oltre che a compromettere le colture agricole”.

Continua a leggere

Ancora incerte le procedure per revisionare i mezzi agricoli

Nelle aziende agricole dell’Emilia Romagna ci sono circa 219 mila macchine operanti, la maggior parte delle quali ha un’età media intorno ai 30 anni.

La conseguenza è che i mezzi, oltre ad avere consumi elevati e un alto impatto ambientale, hanno sistemi di sicurezza obsoleti e, anche per questo, causa di numerosi incidenti sul lavoro con esiti mortali.

» leggi tutto

La filiera corta cresce, racconta il territorio e appaga il consumatore

Alessandra Giovannini

Secondo l’ufficio studi cia agricoltori italiani, sono più di 10 mila gli agricoltori (di cui 5.000 aderenti a la spesa in campagna) che in tutta italia vendono i propri prodotti in spacci aziendali o mercatini rionali, locali e cittadini.
La proposta riunisce oltre 4.000 specialità tipiche, molte delle quali di solito acquistabili solo nei territori di origine. E questo rispondendo ad una domanda in costante aumento, con le famiglie alla guida di questa tendenza (+10%).

» leggi tutto

Nuove forme di finanziamento da Agrifidi Uno Emilia Romagna

Agrifidi Uno Emilia Romagna ha deliberato una forma di finanziamento straordinaria, al fine di aiutare le aziende agricole dell’Emilia Romagna colpite dalle calamità e che, a seguito di queste, avranno difficoltà finanziarie per concludere l’annata agraria in corso ed affrontare la nuova.

» leggi tutto

Serve una Pac più semplice, equa e che premi gli agricoltori attivi

In un incontro a Comacchio promosso dalla cia ferrarese l’europarlamentare Herbert Dorfmann ha indicato criticità e possibili modifiche dell’impianto comunitario.
“Se verrà confermata questa struttura della Politica agricola comune mancheranno all’appello 300 milioni di euro per alimentare i Piani di sviluppo rurale. Una cifra considerevole se pensiamo che ne servirebbero, invece, 300 in più per far crescere agricoltura e imprese”. Lo ha spiegato Stefano Calderoni, presidente provinciale di Cia Ferrara

» leggi tutto

C.I.A. EMILIA ROMAGNA – VIA BIGARI 5/2 – 40128 BOLOGNA BO – TEL. 051 – 6314311 – FAX 051 – 6314333 C.F. 80094210376

WhatsApp chat