NOTIZIE IN PRIMO PIANO IMOLA

IMOLA

L’ANP e Donne in campo sulle vaccinazioni: le leggi vanno rispettate

Alla vigilia dell’apertura dell’anno scolastico 2018-2019 sia le famiglie che le scuole hanno bisogno di disposizioni chiare e giuridicamente fondate sul delicato tema delle vaccinazioni e dell’accesso alla scuola pubblica. L’ANP e Donne in campo della CIA Emiliano Romagnola, ribadiscono che la scuola non può trasformarsi in uno spazio di disputa ideologica, di polemica politica e di contesa per interessi di parte, mentre dobbiamo constatare che questo tema continua ad essere utilizzato per l’ennesima polemica ed è oggetto di pesanti strumentalizzazioni. Tra qualche giorno con la ripresa dell’attività didattica, presidi e insegnanti riprenderanno la loro missione formativa nei confronti dei nostri bambini e ragazzi, c’è da augurarsi che ciò avvenga in un clima disteso e collaborativo tra le istituzioni, le famiglie e tutto il personale scolastico. Crediamo che si debba fare rapidamente chiarezza eliminando ogni dubbio e incertezza interpretativa delle norme e degli indirizzi amministrativi, rispettando i tempi già previsti ed evitando ulteriori deroghe. Ribadiamo con fermezza – come scienza comanda – che i bambini dovranno continuare a essere vaccinati e i genitori dovranno avere le certificazioni necessarie e previste dalla legge. La copertura vaccinale in questo modo, dà la priorità a chi non può scegliere rispetto a chi può scegliere di vaccinarsi e decide comunque di non farlo.“Nessun passo indietro” deve essere fatto sull’obbligo vaccinale, ribadiamo come ANP e Donne in Campo della CIA dell’Emilia Romagna. Come nonni e come mamme riaffermiamo che le leggi vanno applicate e fatte rispettare a maggior ragione quando si tratta di tutelare e garantire la salute pubblica

Comunicazione ai soci

Egregio Associato, sono a ricordarti, così come ribadito in precedenti comunicazioni, e a norma del nuovo statuto vigente, che il pagamento della tessera CIA deve essere effettuato entro e non oltre il mese di GIUGNO dell’anno corrente. Questa mia sollecitazione, oltre a servire come promemoria per coloro che non hanno ancora provveduto al saldo,  deriva anche dall’incremento dei controlli che gli enti preposti svolgono nei confronti delle associazioni e delle aziende agricole stesse. Le associazioni di categoria usufruiscono di alcune agevolazioni fiscali che fanno si che si generino minor costi per il servizio erogato al Socio, questo però comporta controlli molto scrupolosi. Il mancato e puntuale pagamento della tessera può portare a spiacevoli sanzioni di carattere amministrativo in quanto, requisito necessario e fondamentale. Tengo tuttavia a ricordarti che la tessera CIA ti da diritto anche a ricevere la CARTA DEI VALORI CIA IMOLA che da diritto a numerosi sconti su attività commerciali e di ristorazione in tutto il Circondario Imolese. Tali convenzioni verranno periodicamente aggiornate con comunicazioni che saranno diffuse in tutti nostri canali informativi. Infine, per non generare fraintendimenti, e sempre per ottemperare alle normative vigenti e allo statuto CIA, ricordo che eventuali recessi da socio e/o variazioni dovranno essere comunicate entro e non oltre il mese di NOVEMBRE di ogni anno pena il pagamento della tessera dell’anno successivo. Restiamo a tua completa disposizione per qualsiasi chiarimento.

Assicurazioni: facciamo il punto della situazione!

In un recente comunicato stampa il neo Ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio, ha fatto il punto dei pagamenti in favore degli agricoltori che hanno sottoscritto polizze assicurative agevolate. Oltre ai 49 milioni di € già autorizzati , che si sommano a quelli già erogati, per una spesa complessiva pari a 264 milioni di euro, sono in previsione l’erogazione di 92 milioni di euro entro settembre, 69 milioni di euro entro ottobre, 50 milioni di euro entro novembre e 32 milioni di euro entro dicembre. Le semplificazioni introdotte nel corso del corrente anno dovrebbero permettere di superare i ritardi accumulati, derivanti da problemi informatici e procedurali, che hanno messo in forte difficoltà l’intero sistema degli organismi collettivi di difesa, che in questi anni hanno anticipato la spesa per conto degli agricoltori. Il Ministero ha accelerato l’emissione dei contributi arretrati sulla gestione del rischio ed erogherà entro dicembre il pregresso degli anni 2015-2016-2017.

Infatti le date di presentazione per le domande di pagamento sono:

Campagna 2015  entro il 31/08/2018  ( per quelle dove si sono risolte le anomalie);

Campagna 2016  entro il 20/11/2018;

Campagna 2017  entro il 20/11/2018;

ASVIT entro l’08/08/2018   e    PAI VITE entro il 28 /08/2018.

Al momento non abbiamo ancora informazioni certe sulla presentazione dei PAI 2018 e delle relative domande di sostegno e di pagamento. Ma si lavora per chiudere tutto entro l’anno al fine di evitare ripercussioni negative sulle dotazioni finanziarie concesse dall’U.E. Concludendo, entro l’anno, arriverà a compimento il lavoro di ben 4 anni, relativo alle domande di finanziamento sulle assicurazioni agevolate, liberando così importanti risorse finanziarie per le aziende agricole. Purtroppo come è facile intuire non è stata una procedura che è nata sotto una buona stella, nonostante tutti gli sforzi dei CAA, e nello specifico del CAA CIA, ci saranno situazioni non rispondenti alle aspettative dei soci. La nostra speranza è che sia finita questa lunga  e travagliata fase di rodaggio e che da ora in poi , anche in virtù di una reale sensibilità politica nei confronti delle esigenze del mondo rurale dell’attuale  Ministro, le cose possano solo migliorare, per l’intero sistema produttivo nazionale.

GAL “Investimenti in aziende agricole“

Il GAL Appennino Bolognese pubblicherà un bando con la finalità di incentivare l’ammodernamento delle dotazioni strutturali e produttive delle aziende agricole. L’operazione è rivolta alle aziende agricole ricadenti nel territorio di competenza del GAL Appennino Bolognese (area svantaggiata). I settori di riferimento per la realizzazione degli investimenti sono carni bovine; carni suine; ovicaprini; avicunicoli e uova; castanicoltura; cerealicolo; foraggere; sementi; patate; ortofrutta fresco+trasformato; olio; officinali; lattiero caseario; api-miele; funghi; allevamento chiocciole; vitivinicolo. Gli investimenti ammissibili a finanziamento riguardano i macchinari e attrezzature funzionali al processo innovativo aziendale; i miglioramenti fondiari; costruzione/ristrutturazione di immobili produttivi; impianti di irrigazione; realizzazione di invasi ad uso irriguo e acquisto di programmi informatici. Per ricvere ulteriori informazioni contattare l’ ufficio consulenza allo 0542/646111.

Borsa Merci Telematica Italiana Nuovo servizio della Cia di Imola

La Cia di Imola tramite la propria società di servizi Nuova Agricoltura Srl, mette a disposizione delle aziende agricole un nuovo servizio professionale per la commercializzazione dei prodotti agricoli grazie alla collaborazione con la Borsa Merci Telematica Italiana. Si tratta del mercato telematico regolamentato dei prodotti agricoli. Attraverso una piattaforma telematica unica a livello nazionale di negoziazione, la BMTI consente lo scambio quotidiano e continuo di merci e di derrate agricole da postazioni remote. Questa Borsa è stata istituita, come previsto dalla legge, dal Ministero dell’Agricoltura nel 2006 ed è gestita da una società di proprietà del sistema camerale italiano. E’ un mercato reale e non finanziario, infatti i venditori consegnano sempre il prodotto agli acquirenti con i quali hanno concluso il contratto sulla Borsa Telematica. Le aziende agricole, per vendere i propri prodotti su BMTI, devono essere preventivamente accreditate. Le contrattazioni avvengono attraverso i Soggetti Abilitati all’Intermediazione (SAI) che hanno la funzione di raccogliere e gestire gli ordini all’interno della Borsa Merci Telematica Italiana.  Nuova Agricoltura srl ha ottenuto l’accreditamento come SAI e è stata inserita nell’elenco dei Soggetti Abilitati all’intermediazione. Questa nuova opportunità rappresenta uno strumento regolamentato ed innovativo volto a favorire l’incontro tra le proposte d’acquisto e vendita mediante un meccanismo ad asta continua che rispecchia le reali dinamiche del mercato.  Attraverso questo sistema di contrattazione si intende assicurare efficienza e razionalità ai mercati e determinare in tempi rapidi e in modo trasparente i quantitativi scambiati ed i prezzi realizzati. Le aziende agricole interessate possono rivolgersi all’Ufficio Consulenza della Cia di Imola.

Dopo la campagna elettorale non dimentichiamoci dell’agricoltur

Sono ormai passate alcune settimane dagli incontri che vedevano seduti allo stesso tavolo, Giordano Zambrini Presidente della Cia di Imola e diversi suoi associati, con i candidati a sindaco del Comune di Imola, per confrontarsi sulle complesse tematiche dell’agricoltura imolese. Ora, dopo le elezioni, e nel congratularci con la neo Sindaca Manuela Sangiorgi, poniamo l’attenzione su quanto emerso dai confronti effettuati, ossia che l’agricoltura del nostro circondario ha bisogno di interventi e di progettualità, che non siano astratti e calati sul territorio, ma devono essere condivisi con le realtà che vi operano. Proprio per affermare questa necessità, Andrea Arcangeli responsabile relazioni sindacali della CIA di Imola, evidenzia che l’agricoltura è cambiata radicalmente negli ultimi anni e cambierà ancora di più in quelli che verranno, perché sarà chiamata a rispondere anche ai nuovi indirizzi della PAC. Non si parla più, di solo coltivazione ma anche di benessere, ambiente,  salubrità, fin anche di paesaggio, spiega Arcangeli. In tutti i confronti che si sono svolti tra candidati e Cia, è emersa la necessità di valorizzare il territorio, aiutando le imprese agricole anche tramite un dialogo più serrato con le amministrazioni comunali, passando magari dalla condivisione a tutti i livelli, di una Cabina di Regia, più volte nominata ma mai praticata. La CIA di Imola, sottolinea il Presidente Giordano Zambrini, proseguirà con forza nella condivisione e nella proposizione del suo progetto di Cabina di Regia con tutti coloro che vorranno prenderne visione e ne condividono gli obiettivi. Nello stesso tempo e modo, il nostro manifesto programma “agricoltura, territorio, e benessere”, è un progetto che coinvolge i cittadini e il mondo associativo ed economico, e le centinaia di firme raccolte sino ad oggi e che continueremo a raccogliere nelle prossime settimane, ne sono la testimonianza. Auspichiamo che questa nostra visione e il metodo di confronto che abbiamo proposto, continua Zambrini, possano essere condivisi anche con la nuova Amministrazione.

Al Sersanti l’europarlamentare Dorfmann invitato dalla Cia di Imola

Sabato 12 maggio, nella cornice di Palazzo Sersanti ad Imola, si è svolto il convegno, organizzato dalla Cia Imola, dal titolo «I nuovi indirizzi della Politica Agricola Comune 2020-2027». Come noto la Pac (Politica Agricola Comune) rappresenta l’insieme degli interventi che l’Unione europea, fin dalla sua nascita, ha inteso darsi riconoscendo la centralità del comparto agricolo per uno sviluppo equo e stabile dei Paesi membri.

Continua a leggere

  • 1
  • 2
  • 7

IMOLA – VIA G. FANIN,7/A – TEL. 0542 646111 – FAX 0542 643348  – imola@cia.it – C.F.  82007450370

WhatsApp chat