COMUNICATI STAMPA REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

25/03/16 – BUONA PASQUA

Pasqua un po’ meno dolce, ma lo stesso tanti auguri

Secondo la Cia, più di un italiano su tre non comprerà i dolci tipici della festività, mentre cresce il numero di chi opta per i prodotti industriali (il 43%) e soprattutto di chi fa tutto da sé in cucina (+14%). Si consolida l’attenzione alla riduzione degli sprechi messa in atto dalle famiglie negli anni di crisi

Pasqua sotto il segno del risparmio e un po’ meno dolce. Quest’anno più di un italiano su tre (il 35%) non acquisterà i dolci simbolo della festa, colombe e uova di cioccolato, mentre chi lo farà si orienterà decisamente verso i prodotti industriali venduti nelle catene della Gdo (il 43%) e solo il 22% opterà per “soluzioni” artigianali da pasticceria. E’ la previsione della Cia-Agricoltori Italiani.

Più che alla gola, insomma, i consumatori guardano al portafoglio. Complice anche l’andamento dei prezzi al dettaglio, con aumenti medi dell’1-2%, soprattutto per le uova e le colombe di marca -osserva la Cia- mentre restano stabili i listini di quelle senza “firma”. La conseguenza è un calo stimato dei consumi dei due prodotti tipici pasquali del 3%, ma compensato dal “boom” dei dolci fai da te (+14%) come la pastiera napoletana, la scarcella di Pasqua pugliese e la pizza cresciuta laziale.

Si consolida sempre di più, quindi, quel comportamento improntato al risparmio e alla riduzione degli sprechi già messo in atto dagli italiani negli anni di crisi: le uova di cioccolato si compreranno quasi esclusivamente ai bambini e le colombe saranno più un regalo per parenti e amici che un “must” per la tavola di casa.

Complessivamente -secondo le stime della Cia- fino a domenica si acquisteranno circa 30 milioni di uova di cioccolato e quasi 26 milioni di colombe pasquali, con un giro d’affari totale che non arriva a mezzo miliardo di euro.

Tag: ,

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: