COMUNICATI STAMPA FERRARA

FERRARA

23/07/16 – Un marchio per la soia

Da Ferrara parte l’idea di un marchio di qualità per la soia italiana
Un coordinamento tecnico tra i rappresentanti di Cia e Confagricoltura dell’Emilia-Romagna e del Nord Italia per discutere del futuro della soia

FERRARA – Cresce la produzione di soia in Italia dove viene prodotta solo OGM Free e cresce la voglia dei produttori di veder riconosciuta la qualità di un prodotto attraverso un marchio distintivo italiano. Il primo passo verso un vero e proprio “brand” Made in Italy della soia è stato fatto da Cia – Agricoltori Italiani Ferrara e Confagricoltura Ferrara che hanno inviato in città, nei giorni scorsi, Ivan Nardone del Dipartimento di Sviluppo Agroalimentare e Territorio di Cia Nazionale; Mario Salvi, responsabile Area produzioni cerealicole di Confagricoltura e i rappresentanti delle associazioni delle regioni produttrici del Nord Italia per discutere del futuro di una coltura che a livello di consumo alimentare fa certamente tendenza.

Nel corso del coordinamento sono stati analizzati due fattori rilevanti a livello di produzione e consumo di soia. A livello produttivo nel 2016 c’è stato un aumento di superfici investite del 10-12% e la produzione stimata è di circa 1.250.000 tonnellate, mai così alta dagli anni ’90. Ma, nonostante questa notevole impennata, la quantità di soia prodotta copre solo il 7% circa del fabbisogno europeo e il resto viene importato da America e Ucraina. Aumenta a due cifre, circa del 10%, anche il consumo di soia a livello alimentare perché gli alimenti a base di proteine vegetali vanno a coprire la richiesta di mercato di vegetariani e vegani che peraltro chiedono sostanzialmente prodotti bio e certificati.
«Sembra davvero un ottimo momento – spiegano Cia e Confagricoltura – per pensare concretamente a un marchio che certifichi la soia italiana. Un marchio che da un lato valorizzi la qualità del prodotto Made in Italy e il lavoro dei produttori in termini di prezzo e dall’altro tuteli la salute di chi sceglie di consumare alimenti a base di soia. La nostra idea è, infatti, quella di un vero e proprio “brand” di filiera che renda più remunerativo per gli agricoltori coltivare la soia, sia appetibile per le aziende di trasformazione che vedrebbero soddisfatto maggiormente il fabbisogno di soia italiana e ridurrebbero le importazioni e naturalmente per i consumatori che saprebbero esattamente quello che arriva sulle loro tavole. Siamo consapevoli – continuano le associazioni – che i passi da fare sono ancora molti perché sarà necessario mettere a punto un disciplinare, fare ricerca per migliorare la qualità del prodotto e soddisfare al meglio la richiesta dell’industria e naturalmente fare accordi precisi di filiera ma crediamo che occorra ascoltare le richieste di un mercato che non è più solo una nicchia. Lo dimostrano le scelte di grandi aziende alimentari che stanno lanciando sul mercato prodotti a base di soia accanto, ad esempio, a latte e formaggi tradizionali. Naturalmente non vogliamo certo porci in concorrenza con altri settori agroalimentari ma andare a intercettare una richiesta precisa attraverso un sistema di qualità che pensiamo possa fare davvero la differenza per tutta la filiera della soia italiana».

Info per la stampa 3338-9927126

CHIESUOL DEL FOSSO FE – VIA bologna 592/A – TEL. 0532 978550978599  – (diretto A.Pesci 0532 1776629) – FAX 0532-977.103 – ferrara@cia.it – C.F. 80005100385 – P.I. 01274180387

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: