NOTIZIE IN PRIMO PIANO REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

04/04/18 – CONSORZIO PARMIGIANO REGGIANO

L’Assemblea approva il Bilancio consuntivo 2017 e l’accordo per il nuovo piano di regolazione dell’offerta

Il bilancio consuntivo 2017 segna un record assoluto per produzione, ricavi e investimenti in comunicazione. E’ stato inoltre approvato dall’Assemblea il nuovo accordo per il Piano di regolazione dell’offerta

Si è tenuta a Parma l’Assemblea generale dei consorziati del Parmigiano Reggiano durante la quale il Consorzio ha approvato all’unanimità il Bilancio consuntivo 2017 e l’accordo per il nuovo piano di regolazione dell’offerta.

Il bilancio 2017 evidenzia una crescita record della produzione: un incremento del 5,2% che corrisponde a 180.697 forme in più rispetto al 2016. Un record assoluto per il Parmigiano Reggiano che chiude il 2017 con 3.650.562 forme (contro le 3.469.865 dell’anno precedente). Sono conseguentemente aumentati i ricavi (27.342.237 contro i 23.037.945 del 2016) che derivano principalmente dai contributi che i caseifici devono versare al Consorzio per produrre la Dop.

L’accordo preventivo sul piano di regolazione dell’offerta che è stato approvato dall’Assemblea riguarda sia la modifica del piano 2017-2019, sia il piano 2020-2022 che seguirà le medesime direttive. Tale accordo dovrà essere successivamente approvato da Caseifici e Allevatori (le adesioni dovranno essere pari ad almeno il 66%) per poi essere trasmesso al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali per la procedura di valutazione e formale approvazione.

Quali sono le novità del piano di regolazione dell’offerta?
In primo luogo è stata definita la “produzione di equilibrio comprensoriale” (PEC) che corrisponde al livello produttivo al di sotto del quale il Consorzio non applicherà alcuna contribuzione aggiuntiva in caso di produzione superiore alle quote assegnate.
Per l’anno 2019, così come per il triennio 2020-2022, la PEC base viene stabilita in 17,8 milioni di quintali di latte trasformato.

Nel caso in cui il comprensorio superasse la PEC base, gli allevatori saranno soggetti ad una contribuzione aggiuntiva che sarà pari a 15 euro a quintale. Scompaiono pertanto gli scaglioni percentuali di contribuzione in favore di un più semplice unico importo di contribuzione che potrà essere modificato dall’Assemblea secondo le evoluzioni del mercato. Compare altresì la nuova figura del “grande splafonatore”: all’allevatore con uno splafonamento superiore al 20% rispetto alla quota assegnata verrà imputata una contribuzione unica pari a 25 euro al quintale. Sarà inoltre escluso dalla compensazione di caseificio e comprensoriale, da sconti soggettivi e dall’eventuale franchigia annuale. Anche in questo caso, l’Assemblea potrà modificare il valore della contribuzione nel corso dell’anno per l’esercizio successivo.

Un’altra importante novità riguarda la scelta del Consorzio di non applicare alcuna franchigia di esenzione contributiva per l’anno 2018. Nel 2017 il Consorzio aveva deciso di applicare una franchigia del 3%, ma, considerando la crescita dell’offerta sul mercato, ha scelto di perseguire una via più rigida, evitando qualsiasi tipo di esenzione.

parmigiano, reggiano

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: