NOTIZIE IN PRIMO PIANO REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

01/11/17 – CAMPAGNA IRRIGUA 2017

Il Consorzio Emilia Centrale ha presentato il rapporto sulla stagione irrigua

Prelevati 220 milioni di mc d’acqua – In sofferenza l’Appennino e soprattutto la val d’Enza

Il Consorzio di bonifica dell’Emilia centrale ha …

realizzato e diffuso un rapporto sulla stagione irrigua 2017, dal quale emerge tra l’altro che “sono stati prelevati 220 milioni di metri cubi, di cui 180 dal fiume Po, 31 da Secchia 5,9 da Enza 5,4 dal depuratore di Mancasale e 1 dai pozzi; per una  superficie irrigata di circa 30 mila ettari pari ad un quadrato di 17,6 km”.

“La pratica irrigua contribuisce in maniera decisiva al reddito delle imprese agricole e all’economia agroalimentare del territorio, ne incrementa la stabilità, assicura occupazione e mitiga gli squilibri creati da cambiamenti climatici sempre più imprevedibili ed influenti sui ritmi della stagionalità”, evidenzia il consorzio.
“Le attività legate all’irrigazione e alla corretta gestione dei flussi delle acque sono essenziali e sono diventate sempre più modulabili a seconda delle necessità più incombenti; inoltre garantiscono numerosi benefici complementari di natura ambientale, come la ricarica delle falde acquifere, la vita nelle aree umide, la riduzione del progressivo rischio idrogeologico, la conservazione del paesaggio, il monitoraggio costante del territorio e la qualità delle produzioni alimentari che rappresentano la gran parte del pil del nostro territorio”, sottolinea il consorzio, spiegando che “in questo scenario così articolato, che necessita costantemente di apporto di acqua in quantità sufficienti, la crescente scarsità di precipitazioni, già dai primi mesi del 2017 fino ad oggi, ha palesato quanto sia indispensabile questa risorsa e quanto diventi rilevante poterla gestire in modo sempre più scientifico grazie all’avanzata tecnologia impiegata e in modo oculato grazie all’esperienza di uno staff altamente professionale del consorzio di bonifica preparato ad ogni evenienza ambientale”.

“In aree che soffrono maggiormente la siccità come quelle appenniniche ed in particolare della val d’Enza, quest’anno particolarmente colpita dal fenomeno, diventa fondamentale riuscire a raccogliere ed immagazzinare la risorsa idrica quando c’è per poi distribuirla nei periodi di diffusa siccità oggi decisamente più frequenti rispetto al passato”, conclude il consorzio.

(agra press)

campagna, irrigua

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: