COMUNICATI STAMPA REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

01/09/16 – ASSEMBLEA ANNUALE CIA

Agricoltura settore trainante dell’economia, ma gli agricoltori non guadagnano

Una tavola rotonda organizzata dalla Cia reggiana e conclusa dal presidente Dino Scanavino ha compiuto un’interessante analisi del rapporto con il mercato, con Benini, Frascari, Bezzi e Caselli

     “L’agricoltura è percepita come settore trainante dell’economia nazionale, ma gli agricoltori non guadagnano”. La contraddizione che segna il momento attuale dell’agricoltura è stata ben sintetizzata dal presidente nazionale Dino Scanavino nel concludere la tavola rotonda che ha avuto luogo nel corso dell’Assemblea annuale CIA di Reggio Emilia presso la Cantina Albinea Canali. Entrando più nel dettaglio, il presidente ha ricordato che un settore che valorizza l’immagine dell’Italia, che rappresenta il 3% del Pil, che genera il 14% del Pil con il settore alimentare, lascia generalmente al produttore agricolo il 15/17% del valore finale del prodotto; una quota che serve in generale a coprire i costi e pagare il lavoro, ma che non lascia margini di reddito e neppure risorse per investire.

    In altro modo, con una metafora socio-sanitaria, aveva definito l’attualità agricola il presidente provinciale CIA Antenore Cervi: “Il paziente sembra sano, ma un attento check-up segnala qualche sintomo che preoccupa”. I dati che Cervi ha illustrato relativi all’agricoltura reggiana, segnalano del resto una sostanziale stagnazione: il valore della produzione nel 2015 è cresciuto di uno 0,4% rispetto al non esaltante 2014 e le previsioni della Camera di commercio per il 2016 ipotizzano -1,5%; frutto di andamenti che hanno visto il Parmigiano Reggiano ritrovare equilibrio dopo anni pesanti, nel contempo però ha conosciuto difficoltà il settore del vino ed il comparto vegetale in generale, mentre la suinicoltura è risultata stagnante, anche se attualmente sta vedendo prezzi in decisa ripresa.

    Come se ne esce, è quanto si è cercato di capire discutendo tra autorevoli relatori su “l’agricoltura reggiana a confronto con il mercato”. Francesca Benini, direttore commerciale di Riunite & Civ, ha segnalato come per affrontare la crisi del lambrusco, occorre avvicinare il mondo dei giovani al nostro vino, soffermandosi su interessanti iniziative che l’azienda sta sperimentando, anche con innovazioni di prodotto e d’immagine. Temi ripresi dal presidente del Consorzio Vini Reggiani Davide Frascari, il quale ha giudicato efficace il lavoro del Consorzio per quanto riguarda la tutela del marchio, ma carente invece sul piano della promozione, sulla quale le cantine tendono ad agire in proprio.

    Promozione è anche una parte importante della strategia del Consorzio del Parmigiano Reggiano: il presidente Alessandro Bezzi, nel ricordare le azioni decise di recente, ha segnalato che i prossimi investimenti saranno rivolti a diversi soggetti che operano nella filiera, mentre ha anticipato che si stanno mettendo a punto piani di lungo periodo. Osservati speciali – ha annunciato – saranno in futuro i grattugiati e porzionati.

    L’assessore regionale Simona Caselli, partendo dal concetto condiviso “non c’è una crisi agricola, c’è una crisi nella ripartizione del valore prodotto”, ha sintetizzato la sua ricetta per un’agricoltura in salute: lavorare bene in campo, essere più organizzati, valorizzare insieme marchi e marche, fare gioco di squadra, innovare anche utilizzando le tecnologie più moderne.

    Infine, non è mancato il richiamo al peso delle burocrazie, che Scanavino ha espresso con la formula: dobbiamo ridurre la complessità del sistema agricolo ed il peso delle infrastrutture, specie quelle inutili.

assemblea, Cia

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: