COMUNICATI STAMPA REGGIO EMILIA

REGGIO EMILIA

01/04/16 – ASSEMBLEA C.F.P.R.

Piano produttivo del Parmigiano Reggiano: per la Cia reggiana si poteva osare di più

Il presidente Cia Antenore Cervi: siamo a favore, ma avevamo chiesto di introdurre una modulazione più ampia

    Mercoledì prossimo 6 aprile i produttori di Parmigiano Reggiano sono chiamati in assemblea per decidere l’importantissimo Piano di regolazione dell’offerta, “Un passaggio chiave nell’attuale congiuntura del settore – afferma il presidente di Cia Agricoltori italiani di Reggio Emilia Antenore Cervi -, perché l’adozione di misure in grado di seguire le tendenze del mercato, è un fattore indispensabile per riuscire a ‘governare’ l’andamento produttivo ed a disincentivarne gli eccessi. Peraltro, la possibilità di regolare la produzione è quanto chiedono all’Unione europea i produttori di latte alimentare per fronteggiare l’attuale crisi dei prezzi; dato che come Dop possiamo già adottare un piano in tal senso, non farlo sarebbe un’opportunità sprecata”.     “Proprio i dati dei primi mesi del 2016 – segnala Cervi – dimostrano che dopo un lungo periodo di depressione delle quotazioni del Re dei formaggi, la ripresa dei prezzi degli ultimi mesi, seppur limitata, sta innescando un aumento produttivo tale da far già prevedere future crisi per eccesso di offerta. Proprio quello che il Piano dovrebbe evitare, ma per poterlo fare deve poter contare su entrate extra, che da un lato disincentivino gli aumenti eccessivi di prodotto, dall’altro rastrellino risorse per cercare di promuovere nuovi sbocchi sui mercati”.

    “Della proposta che il Consorzio di tutela del Parmigiano-Reggiano ha elaborato – prosegue il presidente Cia – condividiamo la necessità di un piano, perché questo consente in primo luogo una valorizzazione delle quote formaggio; atteso però che il piano non scatta fino ad un aumento produttivo del 4%, ci sembra perciò uno strumento poco efficace nel disincentivare l’aumento di produzione”.

    “Avremmo preferito – aggiunge Cervi – l’introduzione di una modulazione che chiedesse una maggiore contribuzione a chi supera la produzione attuale, fornendo maggiori risorse per andare alla conquista di nuove quote di mercato”.

    “In ogni caso non possiamo permetterci – conclude Cervi – sia per l’espansione della produzione, sia per la delicata situazione istituzionale del Consorzio, una non decisione, che metterebbe il comparto del nostro formaggio allo sbando: per questo rivolgiamo un invito a tutte le rappresentanze ed ai produttori per una scelta responsabile, anche se non la si ritiene la migliore, come è nel nostro caso”.

Tag: ,

WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: